Tesseramento 2020: Obbligo di PEC per i Sodalizi

 

Per poter procedere con l'affiliazione 2020, è necessario che il Sodalizio sia in possesso di una propria casella di Posta Elettronica Certificata (PEC)


Campionati Italiani di dama Italiana: la cronaca. PDF Stampa E-mail
Scritto da Michele Faleo   
Martedì 19 Novembre 2013 09:16

Si è da poco concluso il 77° Campionato Italiano “Assoluto” e il 55°Campionato Italiano Secondo e Terzo Gruppo  di Dama Italiana, nella splendida città di Lecce, dove ospiti presso l’Hotel Zenit Salento e l’Angels ristorante, hanno visto darsi  “battaglia” i 48 damisti in lotta per il tricolore. Tanti gli appassionati che in questi giorni hanno affollato la sede di gara, per vedere all’opera i Big della dama italiana, togliendosi la soddisfazione di “strappare” qualche partita ai Grandi Maestri di questa specialità.

Un ringraziamento di vero cuore va al Direttore di Gara Salvatore Laganà, di Reggio Calabria, che ha condotto con serenità e autorevolezza i campionati.


Il ringraziamento si estende a tutti e quattro gli arbitri federali: Spedicati Dario, Capone Maurizio, Bortone Annamaria, Monittola Maria Stella, e agli amici Giampietro Dell’Erba e Walter Zitano .

12 novembre pronti e via, si comincia, e già arriva la prima defezione, subito dopo l’appello dell’Assoluto il Maestro Silvano Richini abbandona il campionato per motivi di salute(assenza importante che vedrà l’Assoluto osservare un turno di riposo a causa della disparita del gruppo)

13 novembre ore 08:30 partono i primi orologi di una cinque giorni damistica che vede la città di Lecce per la prima volta ospitare i campionati italiani. La sala dei big e contornata da appassionati e semplici curiosi che in silenzio osservavano i Maestri sfidarsi.

Il Campione in carica al quale sfilare il titolo è il reggino Mario Fero, non solo campione in carica, ma detentore del titolo da ben cinque anni. Si arriva al termine di della giornata, e in testa comanda Maijnelli, seguito da Signorini, Lo Galbo, Scaggiante e Fero.

Nella seconda mattina di gioco (14-nov) apprendiamo con dispiacere il secondo ritiro, quello del Maestro Gianni Sardu, anche egli per motivi di salute.

Comincia il 5° turno e il campionato entra nel vivo, il duo Maijnelli-Signorini non molla,ma a comandare la classifica a fine giornata sarà Fero, con 10 punti, distaccando i due inseguitori ad una lunghezza. Nel fra tempo l’Hotel Zenit, sede di gara dei campionati, si affolla sempre più di damisti, e alle ore 20:00  l’appello del secondo e terzo gruppo scandisce il “presente” dei trentuno (Gaglio Nunzio del 3°gruppo assente per motivi personali e assenza prevista, già comunicata dagli organi federali) sfidanti al titolo italiano dei relativi campionati .

15 novembre 08:30 e dopo il primo turno,apprendiamo la notizia del ritiro dell’amico Carmelo Gutta’che saputa la notizia dell’aggravarsi delle condizioni di salute di sua mamma,lascia il campionato per far rientro a Catania.In serata arriverà la notizia che purtroppo sua madre non c’e la fatta.  A lui e la sua famiglia vanno le più sentite condoglianze di tutti I damisti.

Tre giorni intensi di gioco e titoli combattuti in tutte le categorie. Nel “Terzo gruppo” è lotta a due tra Sabino Andriani e Giancarlo Burchiellaro che hanno dominato il gruppo, sempre in testa appaiati, dal primo all’ultimo turno. Avrebbero meritato entrambi il titolo ma il quoziente premia Giancarlo del circolo damistico Padovano. Medaglia d’argento per il barese Sabino, nonostante i 16 punti totalizzati. Sul gradino più basso del podio si piazza il C.M. aronese Franco Pasciutti che supera solo per pochi centesimi di quoziente il salentino Stefano Calò, ultimamente vincitore di due gare interregionali e vicinissimo alla promozione a Candidato Maestro.

Anche il “Secondo gruppo”, subisce il suo ritiro. A non sentirsi bene è  Giovanni Vaglica, probabilmente giocare a dama non gli fa bene alla salute dato che, numeri statistici alla mano,  indicano svariati ritiri sempre per motivi di salute.

Tornando alla competizione, anche il secondo gruppo vive le sue emozioni con il trio Dell’Erba – Feliciani – Tranquillini che si danno battaglia fino all’ultima partita e i tre scontri diretti fanno registrare la vittoria di Tranquillini su Dell’Erba; quella di quest’ultimo su Feliciani e infine quella del Maestro bergamasco Carlo su Tranquillini.

Alla fine la spunta meritatamente il nostro carissimo amico Matteo che in un colpo solo ottiene titolo e promozione a Maestro, il quarto Maestro salentino dopo Giuseppe Talò, Paolo Faleo e Pier Francesco Basile. Onore ai suoi degni avversari Carlo (2°)  e Diego (3°) che completano il podio.

Tornando al gruppo Assoluto la lotta si fa sempre più serrata, in quanto il campione in carica Mario Fero ottiene una serie di pareggi consecutivi, soffrendo in modo particolare con Signorini.

Si rifanno sotto lo stesso maestro bresciano, Michele Maijnelli e Gerardo Cortese.

Lotta a quattro che si riduce a due prima dell’ultimo turno, e il calendario non poteva proporre soluzione migliore con il big match Maijnelli – Fero. Si arriva cosi alle 08.30 di domenica mattina con gli occhi puntati su questa partita che il maestro siciliano complica ma il reggino Mario gestisce bene e porta a casa il pareggio necessario per vincere il suo nono titolo, sesto consecutivo, davvero una grande impresa si  considera l’altissimo livello di giocatori alle sue spalle. Secondi ex-aequo Michele Maijnelli e Francesco Gitto che in rimonta acciuffa il suo primo podio. Questi tre giocatori insieme al G.M. Paolo Faleo risulteranno gli unici imbattuti.

L’organizzazione di questi Campionati ha permesso, all’a.s.d. Dama Lecce di poter far partecipare quei damisti salentini, come Andrea Ria De Meis, Marco Zappatore, Stefano Calò, Fernando Amato, che difficilmente, per motivi di lavoro e familiari, avrebbero potuto presenziare se gli stessi campionati si fossero svolti in un’altra città.

Tutto questo ci inorgoglisce e ci rende ancora più soddisfatti mantenendo alti gli stimoli per proseguire su questa strada.

Prima di concludere vorrei ringraziare la struttura sopracitata che ci ha ospitato, la F.I.D. per la collaborazione e in particolare il consigliere federale Luca Iacovelli che assieme al Dott. Antonio Pascali, Presidente provinciale del C.O.N.I., hanno presenziato alla premiazione, il Direttore di gara con tutto il suo staff, il segretario dell’A.S.D. Dama Lecce, Dario Spedicati, per il suo prezioso contributo e tutti i damisti che grazie alla loro partecipazione hanno reso possibile questa splendida manifestazione, in particolare con molta stima e affetto vorrei ringraziare quei giocatori che per la prima volta ho conosciuto e apprezzato le qualità non solo damistiche ma soprattutto umane, come Pier Luigi Perani, Diego Signorini, Gerardo Cortese, Alessio Scaggiante, Raffaele D’Amore, Franco Pasciutti, Ivano Pergher, Giancarlo Burchellaro, Giovanni Piano.


Galleria fotografica (foto D. Tranquillini - www.tranquillini.it )  
Il Campione Italiano 2013 Mario Fero durante una partita; Michele Faleo (arbitro) e Salvatore Laganà (Direttore di gara); Diego Tranquillini impegnato con Matteo dell'Erba (C.I. 2° Gruppo).  La partita a calcetto serale tra i giocatori dei campionati; un momento di convivialità a cena; l'inizio della premiazione. Il Vincitore Assoluto 2013 GM° Mario Fero; il vincitore del 2° Gruppo M° Matteo Dell'Erba; il vincitore del 3° Gruppo Giancarlo Burchiellaro.

         

alt

alt   alt alt


Ultimo aggiornamento Martedì 19 Novembre 2013 09:35
 
ANTIDOPING (clicca)

Si informa che é disponibile sul sito del NADO Italia  la Lista delle sostanze vietate e dei metodi proibiti WADA nella versione in italiano.


Per consultare sul sito del NADO Italia la normativa aggiornata, andare a questo link: [ clicca qui ]




Course in Draughts

Corso di dama internazionale

Login



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner